A v Veselības ministrija.

JurisdictionEuropean Union
Celex Number62019CJ0243
ECLIECLI:EU:C:2020:872
Docket NumberC-243/19
Date29 October 2020
CourtCourt of Justice (European Union)

Edizione provvisoria

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione)

29 ottobre 2020 (*)

«Rinvio pregiudiziale – Previdenza sociale – Regolamento (CE) n. 883/2004Articolo 20, paragrafo 2Direttiva 2011/24/UE – Articolo 8, paragrafi 1 e 5 nonché paragrafo 6, lettera d) – Assicurazione malattia – Cure ospedaliere prestate in uno Stato membro diverso dallo Stato membro di affiliazione – Rifiuto di autorizzazione preventiva – Cure ospedaliere che possono essere prestate efficacemente nello Stato membro di affiliazione – Articolo 21 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea – Differenza di trattamento fondata sulla religione»

Nella causa C‑243/19,

avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell’articolo 267 TFUE, dall’Augstākās tiesa (Senāts) (Senato della Corte suprema, Lettonia), con decisione dell’8 marzo 2019, pervenuta in cancelleria il 20 marzo 2019, nel procedimento

A

contro

Veselības ministrija,

LA CORTE (Seconda Sezione),

composta da A. Arabadjiev (relatore), presidente di sezione, K. Lenaerts, presidente della Corte, facente funzione di giudice della seconda sezione, A. Kumin, T. von Danwitz e P.G. Xuereb, giudici,

avvocato generale: G. Hogan

cancelliere: M. Aleksejev, capo unità

vista la fase scritta del procedimento e in seguito all’udienza del 13 febbraio 2020,

considerate le osservazioni presentate:

– per A, da S. Brady, barrister, P. Muzny, avocat, e E. Endzelis, advokāts;

– per il Veselības ministrija, da I. Viņķele e R. Osis, in qualità di agenti;

– per il governo lettone, inizialmente da I. Kucina e L. Juškeviča, successivamente da L. Juškeviča e V. Soņeca, in qualità di agenti;

– per il governo italiano, da G. Palmieri, in qualità di agente, assistita da M. Russo, avvocato dello Stato;

– per il governo polacco, da B. Majczyna,, M. Horoszko e M. Malczewska, in qualità di agenti;

– per la Commissione europea, da B.-R. Killmann, A. Szmytkowska e I. Rubene, in qualità di agenti;

sentite le conclusioni dell’avvocato generale, presentate all’udienza del 30 aprile 2020,

ha pronunciato la seguente

Sentenza

1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull’interpretazione dell’articolo 20, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 883/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale (GU 2004, L 166, pag. 1, e rettifica in GU 2004, L 200, pag. 1), dell’articolo 8, paragrafo 5, della direttiva 2011/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2011, concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativi all’assistenza sanitaria transfrontaliera (GU 2011, L 88, pag. 45), dell’articolo 56 TFUE nonché dell’articolo 21, paragrafo 1, della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea (in prosieguo: la «Carta»).

2 Tale domanda è stata presentata nell’ambito di una controversia tra A e il Veselības ministrija (Ministero della sanità, Lettonia) in merito al rifiuto di rilasciare un’autorizzazione che consentisse al figlio di A di ricevere assistenza sanitaria a carico del bilancio dello Stato lettone in un altro Stato membro.

Contesto normativo

Diritto dellUnione

Regolamento n. 883/2004

3 I considerando 4 e 45 del regolamento n. 883/2004 così recitano:

«(4) È necessario rispettare le caratteristiche proprie delle legislazioni nazionali di sicurezza sociale ed elaborare unicamente un sistema di coordinamento.

(...)

(45) Poiché lo scopo dell’azione proposta, vale a dire le misure di coordinamento atte a garantire l’effettivo esercizio del diritto di libera circolazione delle persone, non può essere realizzato in misura sufficiente dagli Stati membri e può dunque, a causa delle dimensioni e degli effetti dell’azione in questione, essere realizzato meglio a livello comunitario, la Comunità può intervenire, in base al principio di sussidiarietà sancito dall’articolo 5 del trattato. Il presente regolamento si limita a quanto è necessario per conseguire tale scopo in ottemperanza al principio di proporzionalità enunciato nello stesso articolo».

4 L’articolo 20, paragrafi da 1 a 3 di tale regolamento, intitolato «Viaggio inteso a ricevere prestazioni in natura – Autorizzazione a ricevere cure adeguate al di fuori dello Stato membro di residenza», è così formulato:

«1. Fatte salve disposizioni contrarie del presente regolamento, la persona assicurata che si trasferisca in un altro Stato membro per ricevervi prestazioni in natura nel corso della dimora, chiede un’autorizzazione all’istituzione competente.

2. La persona assicurata autorizzata dall’istituzione competente a recarsi in un altro Stato membro al fine di ricevervi cure adeguate al suo stato di salute, beneficia delle prestazioni in natura erogate, per conto dell’istituzione competente, dall’istituzione del luogo di dimora, secondo le disposizioni della legislazione che essa applica, come se fosse assicurata in virtù di tale legislazione. L’autorizzazione è concessa qualora le cure di cui si tratta figurino tra le prestazioni previste dalla legislazione dello Stato membro in cui risiede l’interessato e se le cure in questione non possono essergli praticate entro un lasso di tempo accettabile sotto il profilo medico, tenuto conto dell’attuale stato di salute dello stesso e della probabile evoluzione della sua malattia.

3. I paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis ai familiari di una persona assicurata».

Direttiva 2011/24

5 I considerando 1, 4, 6, 7, 8, 29 e 43 della direttiva 2011/24 sono del seguente tenore:

«(1) A norma dell’articolo 168, paragrafo 1, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea («TFUE») nella definizione e nell’attuazione di tutte le politiche ed attività dell’Unione è garantito un livello elevato di protezione della salute umana. Ne consegue che un livello elevato di protezione della salute umana deve essere garantito anche nel caso in cui l’Unione adotti atti a norma di altre disposizioni del trattato.

(...)

(4) Nonostante la possibilità per i pazienti di ricevere assistenza sanitaria transfrontaliera ai sensi della presente direttiva, gli Stati membri sono comunque tenuti sul loro territorio a prestare ai cittadini un’assistenza sanitaria sicura, di qualità elevata, efficiente e quantitativamente adeguata. Inoltre, il recepimento della presente direttiva nella legislazione nazionale e la sua applicazione non dovrebbero condurre a una situazione in cui i pazienti siano incoraggiati a ricevere le cure fuori dal loro Stato membro di affiliazione.

(...)

(6) Come sancito in varie occasioni dalla Corte (…), pur riconoscendone la natura specifica, tutti i tipi di cure sanitarie rientrano nell’ambito di applicazione del TFUE.

(7) La presente direttiva rispetta e non pregiudica la facoltà di ciascuno Stato membro di decidere il tipo di assistenza sanitaria ritenuta opportuna. Nessuna disposizione della presente direttiva dovrebbe essere interpretata in modo tale da compromettere le scelte etiche fondamentali degli Stati membri.

(8) La Corte (…) si è già pronunciata su alcuni aspetti dell’assistenza sanitaria transfrontaliera, in particolare sul rimborso delle cure sanitarie prestate in uno Stato membro diverso da quello in cui è residente il destinatario delle cure. La presente direttiva ha la finalità di pervenire a una più generale, nonché efficace, applicazione dei principi elaborati dalla Corte (…) attraverso singole pronunce.

(...)

(29) È opportuno esigere che anche i pazienti che si recano in un altro Stato membro per ricevere cure sanitarie in circostanze diverse da quelle previste nel regolamento [n. 883/2004] possano beneficiare dei principi della libera circolazione dei pazienti, dei servizi o delle merci conformemente al TFUE e alla presente direttiva. Ai pazienti dovrebbe essere garantito un livello di copertura dei costi delle cure sanitarie perlomeno corrispondente a quello che sarebbe stato loro riconosciuto per un’assistenza identica prestata nello Stato membro di affiliazione. Ciò dovrebbe rispettare pienamente la competenza degli Stati membri nel determinare l’entità dell’assicurazione malattia concessa ai propri cittadini ed evitare qualsiasi incidenza rilevante sul finanziamento dei sistemi sanitari nazionali.

(...)

(43) I criteri connessi alla concessione dell’autorizzazione preventiva dovrebbero essere giustificati alla luce di motivi imperativi di interesse generale atti a giustificare gli ostacoli al principio della libera circolazione dell’assistenza sanitaria, quali le esigenze di pianificazione riguardanti l’obiettivo di assicurare, nel territorio dello Stato membro interessato, la possibilità di un accesso sufficiente e permanente ad una gamma equilibrata di cure di elevata qualità o alla volontà di garantire un controllo dei costi e di evitare, per quanto possibile, ogni spreco di risorse finanziarie, tecniche e umane. La Corte (…) ha individuato diverse possibili considerazioni: il rischio di compromettere gravemente l’equilibrio finanziario del sistema di sicurezza sociale, l’obiettivo di mantenere, per ragioni di salute pubblica, un servizio medico-ospedaliero equilibrato e aperto a tutti e l’obiettivo di mantenere, sul territorio nazionale, delle strutture sanitarie o delle competenze mediche essenziali per la salute pubblica, ed anche per la sopravvivenza della popolazione (...)».

6 L’articolo 7 della direttiva 2011/24, intitolato «Principi generali per il rimborso dei costi», così dispone:

«1. Fatto salvo il regolamento [n. 883/2004] e conformemente a quanto disposto dagli articoli 8 e 9, lo Stato membro di affiliazione assicura che i costi sostenuti da una persona assicurata che si è avvalsa dell’assistenza sanitaria transfrontaliera siano rimborsati, se l’assistenza sanitaria in questione è compresa tra le prestazioni cui la persona assicurata ha diritto nello Stato membro di affiliazione.

(...)

3. Spetta allo Stato membro di affiliazione determinare, a livello locale, regionale o nazionale, l’assistenza sanitaria per cui una...

To continue reading

Request your trial
9 practice notes
  • VB contra Glavna direktsia „Pozharna bezopasnost i zashtita na naselenieto“ kam Ministerstvo na vatreshnite raboti.
    • European Union
    • Court of Justice (European Union)
    • 24 February 2022
    ...dirette a guidare il giudice nazionale nella decisione sul procedimento principale (sentenza del 29 ottobre 2020, Veselības ministrija, C‑243/19, EU:C:2020:872, punto 38 e giurisprudenza ivi 72 Come si evince dalla giurisprudenza richiamata al punto 67 della presente sentenza, spetta a tale......
  • Conclusiones del Abogado General Sr. G. Pitruzzella, presentadas el 17 de marzo de 2022.
    • European Union
    • Court of Justice (European Union)
    • 17 March 2022
    ...Uitvoeringsinstituut werknemersverzekeringen (Uwv) (C‑285/20, EU:C:2021:785, punto 42), sentenza del 29 ottobre 2020, Veselības ministrija (C‑243/19, EU:C:2020:872, punto 22) e sentenza del 21 marzo 2018, Klein Schiphorst (C‑551/16, EU:C:2018:200, punto 10 V. sentenza del 25 novembre 2021, ......
  • Opinion of Advocate General Pikamäe delivered on 9 June 2022.
    • European Union
    • Court of Justice (European Union)
    • 9 June 2022
    ...sentenza del 26 giugno 2019, Addiko Bank (C‑407/18, EU:C:2019:537, punti 35 e 39). 6 Sentenza del 29 ottobre 2020, Veselības ministrija (C‑243/19, EU:C:2020:872, punto 7 V. sentenza del 29 marzo 2012, 3M Italia (C‑417/10, EU:C:2012:184, punto 23). 8 GU 2016, L 77, pag. 1. 9 GU 2007, C 303, ......
  • Conclusiones del Abogado General Sr. A. Rantos, presentadas el 25 de febrero de 2021.
    • European Union
    • Court of Justice (European Union)
    • 25 February 2021
    ...en Islamitische Organisaties Provincie Antwerpen e a. (C‑426/16, EU:C:2018:335). 3 V. sentenza del 29 ottobre 2020, Veselības ministrija (C‑243/19, 4 V. sentenza del 4 ottobre 2018, Fathi (C‑56/17, EU:C:2018:803). 5 Direttiva del Consiglio del 27 novembre 2000 che stabilisce un quadro gener......
  • Request a trial to view additional results
9 cases
  • VB contra Glavna direktsia „Pozharna bezopasnost i zashtita na naselenieto“ kam Ministerstvo na vatreshnite raboti.
    • European Union
    • Court of Justice (European Union)
    • 24 February 2022
    ...dirette a guidare il giudice nazionale nella decisione sul procedimento principale (sentenza del 29 ottobre 2020, Veselības ministrija, C‑243/19, EU:C:2020:872, punto 38 e giurisprudenza ivi 72 Come si evince dalla giurisprudenza richiamata al punto 67 della presente sentenza, spetta a tale......
  • Conclusiones del Abogado General Sr. G. Pitruzzella, presentadas el 17 de marzo de 2022.
    • European Union
    • Court of Justice (European Union)
    • 17 March 2022
    ...Uitvoeringsinstituut werknemersverzekeringen (Uwv) (C‑285/20, EU:C:2021:785, punto 42), sentenza del 29 ottobre 2020, Veselības ministrija (C‑243/19, EU:C:2020:872, punto 22) e sentenza del 21 marzo 2018, Klein Schiphorst (C‑551/16, EU:C:2018:200, punto 10 V. sentenza del 25 novembre 2021, ......
  • Opinion of Advocate General Pikamäe delivered on 9 June 2022.
    • European Union
    • Court of Justice (European Union)
    • 9 June 2022
    ...sentenza del 26 giugno 2019, Addiko Bank (C‑407/18, EU:C:2019:537, punti 35 e 39). 6 Sentenza del 29 ottobre 2020, Veselības ministrija (C‑243/19, EU:C:2020:872, punto 7 V. sentenza del 29 marzo 2012, 3M Italia (C‑417/10, EU:C:2012:184, punto 23). 8 GU 2016, L 77, pag. 1. 9 GU 2007, C 303, ......
  • Conclusiones del Abogado General Sr. A. Rantos, presentadas el 25 de febrero de 2021.
    • European Union
    • Court of Justice (European Union)
    • 25 February 2021
    ...en Islamitische Organisaties Provincie Antwerpen e a. (C‑426/16, EU:C:2018:335). 3 V. sentenza del 29 ottobre 2020, Veselības ministrija (C‑243/19, 4 V. sentenza del 4 ottobre 2018, Fathi (C‑56/17, EU:C:2018:803). 5 Direttiva del Consiglio del 27 novembre 2000 che stabilisce un quadro gener......
  • Request a trial to view additional results

VLEX uses login cookies to provide you with a better browsing experience. If you click on 'Accept' or continue browsing this site we consider that you accept our cookie policy. ACCEPT