I rapporti tra l'ordinamento dell'Unione Europea e quello italiano

Autore:Villani, Ugo
Pagine:371-391
RIEPILOGO

1. Il fondamento costituzionale del trasferimento di poteri sovrani all’Unione europea - 2. Il primato del diritto dell’Unione europea direttamente applicabile su quello italiano in caso d’incompatibilità - 3. L’evoluzione della giurisprudenza europea e di quella costituzionale 376 - 4. I "controlimiti" al diritto dell’Unione europea e le residue competenze della Corte costituzionale - 5. L’adegua... (visualizza il riepilogo completo)

 
ESTRATTO GRATUITO
CAPITOLO IX
I RAPPORTI TRA L’ORDINAMENTO
DELL’UNIONE EUROPEA E QUELLO ITALIANO
1. Il fondamento costituzionale del trasferimento di poteri sovra ni all’Unio-
ne europea
Il tema dei rapporti fra l’ordinamento dell’Unione europea e quello italiano
ha sollevato numerosi e delicati problemi, che hanno visto un originario vivace
contrasto tra l’atteggiamento della Corte costituzionale italiana e quello della
Corte di giustizia dell’Unione europea; contrasto, peraltro, appianatosi nel corso
degli anni, sino a giungere ad una sostanziale armonia nelle conclusioni (se non
anche nelle premesse teoriche).
Il primo problema nasceva dal fatto che i Trattati istitutivi delle Comunità
europee, come quelli ora vigenti a seguito delle modifiche apportate dal Trattato
di Lisbona, comportano un sia pur parziale trasferi mento di poteri sovrani, in
particolare di competenze legislative e giudiziarie, dagli Stati membri alle istitu-
zioni europee (Cap. I, par. 5). Essi introducono negli ordinamenti giuridici degli
Stati membri delle fonti di diritto, quali i regolamenti, estranee a tali ordinamenti
e, per altro verso, istituiscono un sistema giurisdizionale, suscettibile di limitare
anche i poteri del giudice nazionale (come nel caso della competenza in via pre-
giudiziale), sistema anch’esso estraneo agli ordinamenti giuridici degli Stati
membri. Ora, proprio la consapevolezza della profonda incidenza dei Trattati in
parola sugli ordinamenti statali, a causa del suddetto trasferi mento di poteri so-
vrani, ha indotto numerosi Stati, membri originari o successivi dell’Unione euro-
pea, a dare esecuzione a tali Trattati con legge costituzionale o a emanare norme
costituzionali, per rendere compatibile con la propria costituzione il suddetto
trasferimento di poteri, fornendo ad esso un fondamento e una giustificazione
costituzionale.
In Italia, invece, l’autorizzazione alla ratifica e l’ordine di esecuzione dei
Trattati istitutivi delle Comunità europee (come di tutti quelli modificativi) sono
stati dati con legge ordinaria, non costituzionale, essendo improbabile l’adozione
di quest’ultima a causa di una forte opposizione ostile, all’epoca, all’integra-
zione europea (legge 25 giugno 1952 n. 766 di ratifica ed esecuzione del Trattato
CECA, legge 14 ottobre 1957 n. 1203 di ratifica ed esecuzione del Trattato CEE
372 Capitolo IX
e del Trattato CEEA; da ultimo il Trattato di Lisbona del 2007 è stato ratificato
ed eseguito in base alla legge 2 agosto 2008 n. 130). Di conseguenza si è posta
ben presto, dinanzi alla Corte costituzionale italiana, la questione della legitti-
mità costituzionale di tali leggi. La Corte, sin dalla sentenza del 7 marzo 1964 n.
14 (Costa c. ENEL), ha dichiarato che le leggi di autorizzazione alla ratifica e di
esecuzione dei Trattati comunitari (come di quelli modificativi) trovano un fon-
damento nell’art. 11 Cost. nella parte in cui dichiara:
«L’Italia […] consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limita-
zioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia
fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a
tale scopo».
Benché nata, principalmente, per favorire la partecipazione dell’Italia all’Or-
ganizzazione delle Nazioni Unite, tale disposizione è stata consi derata idonea a
consentire “limitazioni di sovranità” e, quindi, a permettere al legislatore ordina-
rio di effettuare tali limitazioni. Nella ricordata sen tenza del 7 marzo 1964 n. 14
la Corte costituzionale ha affermato, infatti:
«La norma significa che, quando ricorrano certi presupposti, è possibile sti-
pulare trattati con cui si assumano limitazioni della sovranità ed è consentito
darvi esecuzione con legge ordinaria».
A questa impostazione la nostra Corte costituzionale è restata costan te mente
fedele.
2. Il primato del diritto dell’Unione europea direttamente app licabile s u
quello italiano in caso d’incompatibili
Si poneva, peraltro, un ulteriore problema concernente la prevalenza del di-
ritto dell’Unione europea o, viceversa, di quello interno, nell’ipotesi (tutt’altro
che teorica) di contrasto tra le norme dei due ordinamenti. Il problema riguar-
dava le norme europee direttamente applicabili, poiché solo per esse, pratica-
mente, può porsi la questione se il giudice nazionale (o anche, eventualmente,
l’autorità amministrativa) debba applicare la nor ma europea o quella nazionale,
qualora abbiano un contenuto incompa ti bile. Per le altre disposizioni dell’Unione,
come quelle di una direttiva, in principio il contrasto richiede un intervento del
legislatore italiano, mentre, a causa del loro carattere non self-executing, incom-
pleto, il giudice non può comunque dare la preferenza alle suddette disposizioni
europee.
In proposito la posizione originaria della Corte costituzionale, espressa nella
stessa sentenza Costa c. ENEL del 7 marzo 1964, era nel senso che, essendo stati
resi esecutivi i Trattati europei con legge ordinaria, le disposizioni del diritto
europeo non avevano un’efficacia superiore a quella propria della legge ordina-

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA